Anno scolastico 2018/2019

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Indirizzo programmatico Torregrotta


Anno scolastico 2017/2018

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Indirizzo programmatico del Dirigente scolastico


Anno scolastico 2016/2017

AGGIORNAMENTO ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

aggiornamento-atto-indirizzo-al-collegio-201617

Anno scolastico 2015/2016

VISION

“Verso la cittadinanza europea: scuola di vita, di  relazioni e di apprendimento”.

Una scuola altamente formativa in grado di promuovere, attraverso una pluralità di saperi,di progetti, di integrazioni curricolari e di esperienze significative, la maturazione di tutte le dimensioni della personalità dei propri alunni.

Una scuola costruttivista dove i bambini apprendono attraverso un  processo di costruzione attiva e non per ricezione passiva di informazioni.

Una scuola dell’interazione dove vengono favoriti i rapporti socio-affettivi tra i bambini della stessa classe e della stessa scuola, tra i bambini e gli operatori scolastici; una scuola partecipata che sa instaurare rapporti costruttivi di collaborazione con le famiglie, con enti e associazioni operanti sul territorio, per migliorare la vita scolastica ed innescare processi innovativi.

Una scuola dell’integrazione che valorizza le differenze, crea legami autentici tra le persone, favorisce l’incontro tra culture diverse e le differenti realtà sociali del territorio.

Una scuola come servizio alla persona che attiva percorsi intenzionali in grado di recepire e di interpretare (anche di modificare) i bisogni sociali emergenti (degli alunni, dei genitori e della committenza sociale) in modo da coniugarli con le proprie finalità.

Una scuola che elabora iniziative a favore degli alunni in situazione di disagio personale e sociale, in particolare, per realizzare relazioni di aiuto in termini di accoglienza e/o di sostegno ai loro “progetti di vita”; una scuola che realizza moduli didattici finalizzati all’integrazione tra linguaggi diversi, per ricondurre ad unitarietà il sapere.

Una scuola accogliente, in grado di rendere piacevole e gratificante l’acquisizione dei saperi, di favorire ricche relazioni sociali e di consentire attività laboratoriali ; una scuola, quindi, come luogo di vita per docenti e bambini.

Una scuola attuale, dinamica, in continua evoluzione, capace di leggere i cambiamenti della società in cui è inserita, di progettare il miglioramento della qualità dell’offerta formativa e di servizio, nella piena valorizzazione dei contributi specifici che i diversi attori sociali  interni ed esterni alla scuola sapranno offrire.

Una scuola responsabilizzante, dove si potenzia la capacità di operare delle scelte, di progettare , di assumere responsabilità e impegno, di realizzare e di rendicontare rispetto a ciò che offre, accogliendo serenamente ogni critica costruttiva.

Una scuola dialogante e cooperante con altre agenzie educative per costruire un sistema formativo allargato.

La nostra scuola si configura come ambiente di vita, di relazione e di formazione, in cui si valorizzano le diversità, si mira all’integrazione e si pone come esperienza decisiva per lo sviluppo sociale, il consolidamento dell’identità personale e lo sviluppo intellettuale.

 

MISSION

“SCUOLA CHE MIRA AL CONSEGUIMENTO DELLE COMPETENZE PER LA VITA”

Considerando:

– la valorizzazione della persona;

– l’ascolto;

– la professionalità;

– il cambiamento.

Attraverso i docenti che devono:

– esercitare il proprio ruolo nell’aiutare l’alunno a sistemare criticamente il proprio sapere;

– favorire la partecipazione consapevole di ricerca attiva nell’apprendimento;

– preparare i futuri cittadini europei;

– rendere gli alunni consapevoli delle radici storiche della nostra società;

Porre attenzione ai linguaggi;

– far acquisire la competenza del linguaggio informatico come fonte di informazione e di comunicazione e come sostegno al processo di insegnamento / apprendimento;

– potenziare la conoscenza dei linguaggi comunicativi: artistico, iconico, musicale, motorio,multimediale.

Porre attenzione alla persona

– affermare la centralità della persona che apprende e del suo benessere psicofisico;

– promuovere pienamente la persona umana favorendo un clima positivo di relazione e di confronto;

– riconoscere e tenere conto della diversità di ognuno in ogni momento della vita scolastica;

– prestare attenzione alla situazione specifica di ogni alunno per definire e attuare le strategie più adatte alla sua crescita;

– favorire nei futuri cittadini d’Europa, un apprendimento attivo critico ed efficace;

– promuovere atteggiamenti di solidarietà, di pace, di rispetto dei diritti umani.

Porre attenzione al territorio

– porre attenzione alle risorse del territorio dal punto di vista storico, artistico, economico esociale;

– raccordarsi con Enti, Istituzioni ed esperti per realizzare forme di collaborazione;

– sensibilizzare gli alunni ai problemi del territorio per accrescere la consapevolezza dell’essere cittadino.

Porre attenzione all’efficacia

– sostenere la rinnovata professionalità dei docenti quali professionisti promotori dell’apprendimento e valutare i suoi esiti;

– potenziare la capacità di autonoma gestione della scuola nel concorrere alla realizzazione delle finalità del sistema educativo pubblico.

Porre attenzione alle metodologie didattiche

– mantenere la massima trasparenza nella programmazione e nei criteri di valutazione;occorre infatti rendere sempre partecipe l’alunno di cosa il docente stia facendo e di come venga valutato il suo lavoro;

– favorire la partecipazione attiva degli alunni e incoraggiarne la fiducia nelle proprie possibilità, rispettando la specificità individuale del modo di apprendere;

– accettare l’errore ed utilizzarlo per modificare i comportamenti dell’allievo;

– correggere gli elaborati con rapidità in modo da utilizzare la correzione come momento formativo;

– favorire l’autovalutazione;

Aprirsi all’Europa e al contesto internazionale

– assicurare agli studenti della scuola la possibilità di aprirsi al confronto internazionale;

– riconoscere valore e dignità alle diverse tradizioni di cultura.

LIFE SKILLS: COMPETENZE PER LA VITA segnalate da OMS e UNICEF

– Empatia;

– Attenzione;

– Intelligenza;

 – Educazione

 A queste, aggiungiamo la RESILIENZA, ossia la capacità di superare gli ostacoli ed i momenti difficili.

Nella didattica quotidiana ciò si traduce in attività miranti a:

saper risolvere problemi,saper prendere decisioni, creatività, senso critico, autoconsapevolezza, capacità relazionali, comunicazione efficace, gestione delle emozioni e dello stress.

                         

                                                                                                                                      La dirigente scolastica

                                                                                                                                       Prof.Giuseppa Cosola                                        

Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico al Collegio dei Docenti